Featured Posts

Porto Ceresio, oggi la posa del presepe sommerso tra tradizione ed ecologia. Ecco le foto - lo stiva


Lo Stivale Pensante | Porto Ceresio, oggi la posa del presepe sommerso tra tradizione ed ecologia. Ecco le foto - Lo Stivale Pensante This site is optimized with the Yoast SEO plugin v3.4.2 - https://yoast.com/wordpress/plugins/seo/ / Yoast SEO plugin. This site uses the Google Analytics by MonsterInsights plugin v5.5.2 - Universal disabled - https://www.monsterinsights.com/ / Google Analytics by MonsterInsights

This site is optimized with the Yoast SEO plugin v3.4.2 - https://yoast.com/wordpress/plugins/seo/ / Yoast SEO plugin. This site uses the Google Analytics by MonsterInsights plugin v5.5.2 - Universal disabled - https://www.monsterinsights.com/ / Google Analytics by MonsterInsights

Una giornata speciale quella che ha coinvolto oggi, domenica 18 dicembre, la cittadinanza di Porto Ceresio. I subaquei di GODiving hanno realizzato la tradizionale posa del presepe sommerso, a cui questa edizione ha visto affiancate centinaia di stelline figlie del progetto “Adotta una stellina”. A condurre la statua del bambin Gesù da Busto Arsizio sino alle sponde del lago diversi triathleti. La giornata è proseguita nel pomeriggio con la presentazione de “La passeggiata dei presepi”.

Porto Ceresio, oggi la posa del presepe sommerso tra tradizione ed ecologia. La manifestazione che ha visto i subaquei di GODiving realizzare l’ormai tradizionale posa del presepe sommerso nelle acque di Porto Ceresio si è tenuta nella giornata di oggi. A condurre la statua del bambin Gesù da Busto Arsizio sino a Porto Ceresio i triathleti della Asd Pro Patria ARC. La statua è stata poi benedetta durante la S.S Messa alla parrocchia S.Ambrogio e condotta dai bimbi delle scuole fino alle sponde del lago, dove i sub l’hanno posata sulla rappresentazione sistemata sul fondale. Ad accompagnare le statue della natività, poi, quest’anno, anche centinaia di stelline e cartelli, frutto del progetto “Adotta una stellina”. Un’iniziativa finalizzata a sensibilizzare le nuove generazioni verso le questioni ambientali e sociali riguardanti la precarietà dell’ambiente lacustre e la necessità di tutela da parte di ciascuno. La vendita delle stelline, realizzate totalmente a mano da studenti e disabili, ha permesso, inoltre, di raccogliere fondi che saranno interamente destinati all’acquisto di materiale didattico per le scuole della zona e per la Comunità “Il Sorriso” di Cuasso al Monte. A testimonianza dell’eccellente riuscita del progetto